Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Quel timbro che limita l'acquisto di munizioni

13 maggio 2017
Da molti anni alcune questure e prefetture annotano sulle licenze di porto d’armi il quantitativo massimo di munizioni che è possibile acquistare nell’arco di validità della licenza. Non a tutti è chiaro il valore di queste annotazioni...
Quel timbro che limita l'acquisto di munizioni

Scarica gli allegati

Scrivo per avere una risposta competente riguardo alla dicitura di un timbro apposto sul mio Porto d’armi uso Tiro a volo che recita così: “Il titolare del presente Porto d’armi è autorizzato ad acquistare complessivamente, nel periodo di validità della licenza, non più di 1.500 cartucce non a pallini, fermi restando i limiti di detenzione previsti dalla legge”. Sono regolarmente iscritto a un poligono (affiliato a varie federazioni) dove registro puntualmente le cartucce sparate. Come devo comportarmi con tale limite? Le risposte presso gli sportelli degli uffici competenti sono state abbastanza incerte ed è per questo che mi affido a un vostro chiarimento.

Francesco Impronta - email


Il ministero dell’Interno ha emanato una circolare con la quale si propone di fare chiarezza sull’iniziativa che da molti anni alcune questure e prefetture hanno adottato, consistente nell’annotare sulle licenze di porto d’armi consegnate ai cittadini il quantitativo massimo di munizioni che è possibile acquistare nell’arco di validità della licenza.
Il ministero correttamente ricorda che la possibilità di introdurre tale limite è stata conferita a questori e prefetti dalla legge cosiddetta “antimafia” n. 306 del 1992, ma che l’effettivo esercizio di tale facoltà era subordinato all’emanazione di un decreto attuativo, mai emanato. “A parere di questo ufficio”, si legge, “pertanto, non può trovare applicazione la limitazione in questione, in quanto essa si fonda su un decreto, allo stato, inesistente”.
Tutto a posto, quindi? No. Perché, infatti, la chiosa del ministero, che consente di salvare l’operato finora perpetrato da questure e prefetture, è che “Ciò non toglie che, in presenza di effettive turbative all’ordine e alla sicurezza pubblica determinate dall’eccessiva circolazione di munizioni nella provincia, codesta autorità di ps potrà sempre intervenire agendo ai sensi dell’art. 9 del Tulps, apponendo alle licenze di polizia rilasciate - nella modalità più opportuna - le prescrizioni che riterrà più idonee, dandone motivazione nel provvedimento”. Come dire: cambiare tutto per non cambiare nulla!

Per scaricare l'allegato del testo originale clicca qui

© RIPRODUZIONE RISERVATA