Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

La Springfield Saint diventa pistola

15 June 2018
di Alessandro Chiarenza
Springfield armory presenta una pistola in .300 Blackout basata sulla carabina Saint
La Springfield Saint diventa pistola

Negli Stati Uniti stanno imperversando due mode: le armi camerate in .300 Blackout e le versioni pistola delle carabine su base Ar 15.

Springfield armory ha deciso di combinare questi due trend presentando la Saint pistol, una pistola in .300 Blackout basata sull’Ar 15 della casa americana. La Saint pistol ha una canna da 9 pollici con finitura melonite e passo di rigatura di 1:7 pollici. L’astina flottante è realizzata in alluminio ed è compatibile con lo standard M-lok. Curatissimi i dettagli: portaotturatore M16 con finitura melonite, ponticello e impugnatura della Bravo company, upper in alluminio 7075 e presa di gas regolabile. Come le altre Saint, anche questa pistola impiega il sistema Accu-tite, che elimina qualsiasi tipo di gioco tra upper e lower receiver.
Per evitare la classificazione come Sbr (Short barreled rifle), la Saint pistol viene venduta con un appoggiaguancia Sbx-k prodotto dalla Sb tactical.

La Saint pistol in .300 Blackout è lunga 704 mm e ha un prezzo consigliato al pubblico pari a 989 dollari.

La Springfield Saint diventa pistola
© RIPRODUZIONE RISERVATA